Piano per la strada di circonvallazione a mare, 1869


DATA: 1869
TITOLO: Piano per la strada di circonvallazione a mare tra la piazza Cavour e la Marina dei Servi
TIPOLOGIA: piano regolatore edilizio
FORMA: approvato
RESPONSABILITÀ: Ufficio tecnico comunale
COLLOCAZIONE: Archivio storico del Comune di Genova (Asc), schedario Piani regolatori, volume 6 e Verbale dei Consigli comunali (a scaffale)
DOCUMENTI SCHEDATI: 13 materiali scritti, 6 materiali grafici



Materiali grafici
1. Tipo della località delle Grazie - piazza Sarzano e truogoli della Marina nel quale resta indicato in tinta rosa il 1° tronco del progetto della strada da costruirsi dalla piazza Cavour a Porta degli Archi compreso tra le mura delle Grazie e il Seno di Giano con raccordo alla strada che mette ai Cancelli di S. Margherita delimitato dalle lettere AB. Planimetria (redazione Timosci). Scala 1:500, 13.03.1866 (Asc);
2. Profilo 4, 5 (red. Timosci). Scala 1:100, [1866] (Asc);
3. Profilo 6 (red. Timosci). Scala 1:100, [1866] (Asc);
4. Profilo A (red. Timosci). Scala 1:100, [1866] (Asc);
5. Planimetria (red. Timosci). Scala 1:500, 29.04.1868 (Asc);
6. Profili trasversali (red. Timosci). Scala 1:100, 19.12.1868 (Asc).


Cronologia
1866, 14 marzo: il Consiglio comunale approva l’apertura della strada di circonvallazione a mare tra piazza Cavour e la Marina dei Servi e la sua continuazione fino a Porta d’Arco.
1866, 23 novembre: il Consiglio comunale accetta le condizioni avanzate dall’Amministrazione militare e dall’Ispettorato dei porti e delle spiagge per la costruzione della piazza delle Grazie e del Seno di Giano. Si stabilisce il proseguimento della strada fino alla località Santa Margherita, con diramazione in discesa fino all’inizio di via Madre di Dio.
1867, 22 agosto: con Regio decreto si dichiara opera di pubblica utilità il primo tratto di strada.
1868, 16 ottobre: il Consiglio comunale ri-approva il piano. L’iter di approvazione del piano viene ripetuto a seguito della stipula della convenzione tra Municipio e Direzione del Genio civile di cui non sono stati trovati documenti originali, ma solo riferimenti nei materiali schedati, e per la quale sono state apportate ed approvate delle varianti al progetto nell’interesse della difesa militare.
1868, 17 dicembre: viene stipulato l’atto di concessione tra l’Amministrazione Militare e l’Ispettorato dei porti e delle spiagge e l’Amministrazione comunale ai fini della realizzazione del progetto.
1869, 24 gennaio: con Regio decreto, in articolo unico, si approvano le varianti al piano.

Riferimenti bibliografici
Silvana Balbi, Franca Balletti, Bruno Giontoni, Contributi per la storia dell’urbanistica genovese: studi e documenti. 1848-1880, Quaderni di Urbanistica, vol. I, Università degli Studi di Genova, Facoltà di Architettura, 1976, p. 271-285.
Emmina De Negri, Ottocento e rinnovamento urbano. Carlo Barabino, Sagep, Genova, 1977, p. 109.
Ennio Poleggi, Paolo Cevini, Genova, Laterza, Roma-Bari, 1981, p. 191.

Altre fonti

Verbale Consiglio comunale, seduta straordinaria, 14.03.1866, pratica 5, p. 149.